Del perché c'è il bollino rosso all'ingresso del mio blog

Del perché c'è il bollino rosso all'ingresso del mio blog.

Voglio sentirmi libera di parlare di qualunque cosa gironzoli per la mia testolina con il linguaggio che riterrò più appropriato all'argomento o anche solo al mio stato d'animo del momento; e voglio che anche chi commenta i miei post possa fare altrettanto; ma non voglio urtare la sensibilità di nessuno. I contenuti forti di un blog non sono necessariamente legati al mondo del sesso: si può parlare in termini crudi anche di politica, religione o dei litigi col vicinato.
Io parlo e scrivo esattamente come vivo: pane al pane e vino al vino, chiamando le cose col loro nome, perché non ho mai avuto paura delle parole. Quindi amici e nemici, passanti di una volta e masochisti fissi, qui si scriverà di tutto, ergo chi vuole resti, chi non vuole vada.
Tutti i commenti sono benaccetti, anche le critiche, purché fatti con intelligenza (per chi la possiede) e con rispetto (che invece pretendo da tutti). Non ho messo la moderazione ai commenti e non cancellerò niente di quanto scriverete, ma ognuno si assuma la responsabilità di ciò che lascia ai posteri e sappia che corre il rischio che io gli risponda.
Rispetto le persone che si sentono offese da alcuni tipi di linguaggio o di argomenti: per loro ho messo le avvertenze sui contenuti del mio blog, ma è un'arma a doppio taglio, perchè chi continua a leggere poi non venga a farmi la morale! Al di lá di qualche imprecazione che non è necessario comunicare alla sottoscritta, non si curi di me ma guardi e passi...
Per sapere chi è lo smanettone con polluzioni notturne che ha reso necessario questo chiarimento andate a leggere il 'Post nudo e crudo' del 18 Settembre 2012

domenica 16 agosto 2015

Ciao Lider

Guardo la foto in cui sorridi insieme alla tua Cla. Eri felice, come mai ti avevo visto da quando ti ho conosciuto. E poi leggo il suo messaggio in cui mi dice che il tuo corpo ha finalmente raggiunto il tuo meraviglioso cervello. È finita la tua agonia e da Gennaio era la notizia che chiunque ti volesse bene stava aspettando.... Eppure fa male, anche se era la cosa migliore visto che tu non saresti più stato tu. Non eri più dall'inizio di questo stramaledetto anno.... Quindi oggi in realtà sto solo salutando l'involucro che ha contenuto quella splendida anima che eri tu. Ciao Massimo

6 commenti:

  1. Al di là delle considerazioni che si possono fare, rimane la tristezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .... Tristezza, dolore, incredulitá, rabbia ....

      Elimina
  2. Io non sapevo nulla, ogni tanto passavo a vedere se aveva pubblicato un nuovo post!
    mi spiace davvero tanto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace, tante volte ho pensato di scrivere sul suo blog, visto che potevo avendo l'accesso, ma non ce la facevo. Conoscevo Massimo al di là del blog, eravamo amici fraterni, ci eravamo incontrati e parlavamo continuamente al telefono. Quindi per me è stato difficile gestire questa sofferenza durata otto mesi, da quando cioè è entrato in coma a Gennaio. Spero che capirai, ma davvero non ce la facevo. Adesso ha smesso di soffrire ed è in pace.

      Elimina
    2. non credo, in effetti, che potendo io avrei scritto; penso che gli amici stretti lo sapessero, (gli altri) noi lo abbiamo saputo ora, e gli manderemo un pensiero "di buon viaggio".

      Elimina
    3. Esattaemente. Grazie per aver compreso.

      Elimina